mercoledì, Agosto 21, 2019

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Accettazione Privacy Policy

Tutela della privacy: Consenso al trattamento dei dati personali *
Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa privacy resa ai sensi dell’Art. 13 Regolamento Europeo 679/2016, e di rilasciare il consenso al trattamento dei dati personali per le finalità ivi indicate e di essere consapevole che, in mancanza di rilascio del consenso a tale trattamento, potranno trovare applicazione le disposizioni indicate nella predetta Informativa.. In qualsiasi momento, secondo quanto previsto dall'art. 13 Regolamento Europeo 679/2016, potra' consultare, modificare, o cancellare i Suoi dati scrivendo al seguente indirizzo email: info@mauriziocardone.com

Come tanti bambini, sognavo di diventare un calciatore. Visti i mezzi, il calcio ho iniziato a raccontarlo. La mia vita è un’altalena: ho vissuto momenti di grande esaltazione, di sogni ad occhi aperti, di delusioni, viaggi, esperienze. Mi sono diplomato nel 2005 e incredibilmente ho deciso di iscrivermi all’Università. Siena quindi è stata la mia prima tappa: una città meravigliosa, momenti stupendi, amicizie che tuttora restano. Tre anni vissuti tutti di un fiato prima di tornare a casa, nel 2008. Nasce Isolalibera, lavoro un anno e mezzo in un’azienda, poi un altro anno e mezzo in un’altra. In mezzo, tantissime domenica sui campi a scrivere e raccontare in radio l’Eccellenza lucana. Ecco, è il 2012, sono un giornalista pubblicista. Poi una valigia e sei mesi a Londra, ho mantenuto una promessa fatta a me stesso. Torno in Italia, di nuovo nella mia Muro Lucano: giornale, radio, ufficio stampa, Isolalibera. Nasce Muro inVita, associazione culturale che è un altro sogno realizzato. Una parentesi a Bologna e poi di nuovo a casa. Sembra un’altalena ma è semplicemente la mia vita. E’ che sono nato con la valigia. Dal 2015 sono a Milano: prima un Master in comunicazione e media digitali al Sole 24ore, poi un’esperienza a Radio 24. Poi un’agenzia internazionale di comunicazione, a seguire un’altra. Amo il calcio, la Basilicata, la Toscana, il vino rosso, il cibo made in Italy, i viaggi. Devo tutto alla mia famiglia, che mi ha insegnato a stare al mondo. Da qualche anno devo molto anche al mio cane, che mi ha fatto capire il vero valore delle emozioni.